27 aprile 2016

CROMOTERAPIA, CHAKRA E...PASTE POLIMERICHE!

Sì, avete letto bene! Tra questi tre elementi c'è una correlazione.
Volete sapere quale?
In questi ultimi giorni ho sentito il bisogno di rilassarmi e staccare un po la spina.
Niente viaggi o vacanze, ma semplicemente mi sono fatta aiutare dai colori.
Ho letto alcuni interessanti articoli che parlano di cromoterapia e chakra e durante la lettura ho avuto un'illuminazione. Già, perché chi come me usa spesso le paste polimeriche - sia per lavoro o sia per hobby - ha a che fare con il contatto vero e proprio con i colori.
Non intendo solamente a livello tattile, ma anche visivo e spirituale.
Secondo i principi della cromoterapia i colori possono essere assorbiti dal cibo, dalla luce solare o attraverso la meditazione dei colori.
I nostri chakra non sono altro che centri energetici e come tali vanno alimentati.
Regolano infatti la forza interiore dell'essere umano.
Per aprire i chakra ci vuole impegno e concentrazione, per trarne beneficio è bene farsi seguire da persone esperte che vi potranno seguire passo-passo.

E se il tempo è poco?
Nessun problema.
Per attivare i nostri chakra bastano pochi piccoli accorgimenti: guardare il cielo azzurro, sdraiarsi su un prato verde, vestirsi di arancio, dipingete una parere di casa di giallo...insomma circondatevi il più possibile di colori.



Ma cosa centrano le paste polimeriche?
Qui viene il bello! Come ho scritto prima, chi ha a che fare con questo tipo di argille avrà la possibilità di rilassarsi creando al tempo stesso, anche se non è necessario creare per forza un determinato soggetto. 
Vi svelo una cosa personale: a volte per rilassarmi prendo un pezzo di pasta polimerica (preferibilmente arancio o verde) e la lavoro tra le mani, osservandone il colore.
Sì ok, ditemi che sono pazza ma vi assicuro che aiuta molto.
Noi che lavoriamo giorno per giorno con i colori possiamo ritenerci fortunati!

Qualche anno fa lessi un libro molto interessante scritto dall'autrice Rossella Panigatti, intitolato "I sintomi parlano" e che rileggo volentieri ogni tanto.
Lo considero una sorta di mappa olistica per comprendere al meglio i sintomi del nostro corpo e relazionarlo con la cromoterapia e l'attività dei nostri chakra.

Che dire...oggi mi sentivo molto spirituale e mi son sentita di condividere con voi questa mia passione per i colori e a tutto ciò a cui ci conducono.

Un abbraccio,
Giulia









20 aprile 2016

L'AZZURRO...

"Non mi stanco mai di un cielo azzurro".
- Vincent van Gogh -
"Albicocchi in fiore" (1888) - Vincent van Gogh - Amsterdam
Chi ama il colore Azzurro è solitamente una persona armoniosa verso l'ambiente e verso le persone che lo circondano.
Nella cromoterapia il colore Azzurro è il simbolo della creatività, della lealtà e dell'idealismo.
Trasmette un senso di leggerezza aiutando nella meditazione.

Oggi, e non solo oggi, noi ci sentiamo così: rilassati e in armonia con il cielo azzurro e soleggiato di questi splendidi giorni primaverili.
E aspettando che arrivi l'estate, ci mettiamo alla ricerca di abiti da acquistare e da abbinare ai nostri bijou!

Per l'occasione abbiamo "costruito" un outfit fresco e rilassato per il tempo libero che richiama proprio questo colore.
Che ne pensate? :-)

Bracciale con perle: Ibisco Creazioni
T-Shirt: Vero Moda
Pantalone: Mos Mosh
Shopping Bag: New Look
Infradito: Birkenstock
Un armonioso abbraccio a tutti,
Giulia

14 aprile 2016

VINTAGE MODERNO

Allo sentire della parola vintage la nostra mente viaggia indietro nel tempo, ripercorrendo in particolar modo gli anni '50 e '60 in cui tutto era pieno di colori e spensieratezza.

Pic by wallusia.com
Ma da dove viene il termine "vintage"? Dal francese antico, ovviamente!
Il vocabolo da cui ha origine è vendenge (che a sua volta deriva dal latino vindēmia) e stava ad indicare i vini pregiati.
Il termine vintage si attribuisce ad un oggetto prodotto almeno vent'anni prima del momento attuale.
Abiti ed oggetti d'epoca si differenziano dall'usato - detto anche di seconda mano - poiché la loro caratteristica non sta nello essere stati utilizzati, ma nel loro valore acquisito nel tempo in quanto irripetibile ed irriproducibile con i medesimi standard qualitativi in era moderna.


In questi ultimi anni la moda del vintage ha letteralmente spopolato, soprattutto nell'arredamento e nell'ambito del vestiario, senza tralasciare il mondo dei gioielli.
Orecchini, collane e bracciali in perfetto stile vintage non mancano di certo nelle nostre collezioni!

Orecchini, bracciale, collana by Ibisco Creazioni
Se inoltre volete gustarvi oggetti vintage dal vivo, in tutta Italia ci sono mercatini ed eventi in stile retrò che vi riporteranno nell'era della golden age e del primo allunaggio della storia, passando tra milkshake e brownies ballando al ritmo del Rock'n'Roll e del Twist!

Se sei di Verona e dintorni non perderti l'Arsenale Vintage World, mostra mercato moda e design con incontri, workshop e spettacoli musicali.
Organizzato dall'Associazione RetròBottega.

Da non perdere è l'evento Valeggio Veste il Vintage, a Valeggio sul Mincio (VR), giunto alla sua 15ma edizione, con la sua mostra di mercato open air.

06 aprile 2016

CON LA PRIMAVERA ARRIVANO I COLORI

Il titolo dice tutto!
Dopo un inverno piuttosto freddo e grigio, è arrivata l'ora di dare spazio ai colori brillanti senza tralasciare quelli più scuri, basta abbinarli a magliette o camicie dai colori freschi ed estivi!

Le collane di cui vi allego la foto qui sotto, sono tutte artigianali.
Le perle di argilla polimerica infatti sono state create a mano ed inserite su di un leggero e colorato filo di cotone cerato.

Collane artigianali con perle in argilla polimerica.

La loro portabilità è adatta a tutti i tipi di outfit sportivi. Una semplice maglietta bianca e un paio di jeans possono prendere vita grazie ad un semplice tocco di colore!

Collana: Ibisco Creazioni
T-Shirt: Kiomi
Jeans: Pepe Jeans
Shopping Bag e Sandali: Anna Field

Insomma, io già mi sento carica di energia e non vedo l'ora che arrivi l'estate!
E voi?

Un abbraccio,
Giulia